Drammatico /

giovedì 14 aprile ore 21:00

Regista

Werner Herzog

Sinossi

Là, nel deserto australiano, esiste un posto dove gli aborigeni pregano, all’interno di un supermercato, davanti a vernici e detersivi, perché una volta in quel punto sorgeva un albero sacro. In quella terra lontana dagli occhi del mondo i nativi rischiano la morte per difendere la loro terra, restando ancorati ai principi universali che ne governano le azioni e i pensieri.
Eppure la civiltà occidentale avanza, inesorabile, con le sue ferraglie, l’arroganza, il potere infido di una presunta supremazia conquistata con la forza: bisogna spianare, setacciare, abbattere, dominare, poiché sotto, nel buio, potrebbero esserci ricchezze golose e imperdibili. Le giornate talvolta trascorrono lente, ferme, immobili: il geologo responsabile dei lavori può occupare il tempo soltanto ascoltando alla radio le registrazioni di telecronache di partite di calcio, o visionando cassette porno con cui immaginare donne molto, troppo distanti. Ma non c’è pace in quella Terra: gli aborigeni ne esigono la proprietà, e sono disposti a tutto per mantenere inalterato l’habitat in cui sognano le formiche verdi; svegliarle significherebbe, secondo il loro Credo, distruggere l’intera umanità.

Altro

Werner Herzog dentro e oltre i confini, ancora una volta, con un’opera indispensabile nell’eccezionale quadro stilistico e ideologico della sua filmografia; un lavoro che rifugge qualsiasi oratoria a tesi, dedicandosi invece a sottolineare sfumature, contrasti, contraddizioni tatuate sulla pelle dei bianchi e anche degli aborigeni. Da una parte l’uomo evoluto, o presunto tale, con i suoi abiti eleganti, gli avvocati, la burocrazia, i ristoranti di lusso e gli ascensori che peraltro si bloccano in continuazione, con vivo imbarazzo dei magnati dell’industria mineraria; dall’altro gli aborigeni, totemici simboli delle tradizioni remote disintegrate dalla modernità, immobili come statue davanti alle gru, cantori della Fede ed eterni guardiani del segreto che si nasconde nelle viscere feconde della Natura, eppure non insensibili alle lusinghe della tecnologia (gli orologi, gli aerei).
Nessuno è privo di colpa, nell’opera herzoghiana, nessuno è intoccabile: resta però impresso a fuoco il senso atavico del rispetto, dell’essenza di realtà che andrebbero lasciate così come sono, cullate nella loro eternità. Ma l’esigenza dell’uomo è arare le distanze, cercare la vita annullando la vita stessa, urlare il proprio diritto allo sfruttamento e alla smitizzazione. Lì, nel deserto australiano, la Leggenda delle formiche verdi ha forse esaurito il proprio tempo, ed è destinata a estinguersi, come l’ultimo sopravvissuto di una tribù del quale più nessuno comprende e può tradurre la lingua.
A un certo punto, verso la fine, c’è una scena che può riassumere l’intero film, nonché porsi come atto simbolico di una larga parte della poetica del maestro che tanto amiamo: durante il processo che coinvolge la compagnia e gli aborigeni, questi ultimi chiedono il permesso di mostrare al giudice un oggetto sacro, il più importante della loro religione, rimasto sottoterra per oltre 200 anni. Tuttavia pretendono che l’aula per qualche minuto si svuoti, affinché il potere universale dell’icona non sia inquinato e disperso da troppi occhi. Il giudice acconsente, quasi tutti escono. Gli aborigeni portano l’oggetto, avvolto da un panno. Lo scoprono. L’inquadratura invece di studiarne i dettagli si sofferma sui volti stanchi, segnati dalla battaglia ma ancora fieri e lucidi, poi stacca alla sequenza successiva. È come se avessimo abbandonato l’aula anche noi. Non vediamo l’oggetto. Non ce lo possiamo permettere. Non ne abbiamo il diritto, così come nessuno avrebbe il diritto di stuprare e ammazzare le radici dell’umanità.

Fonte: http://www.orizzontidigloria.com/special-werner-herzog

Pubblicato il: domenica, 13 marzo, 2016
a cura di: Oltre il Cristallo
amministrazione