Azione / Thriller /

giovedì 3 novembre ore 21:00
sabato 5 novembre ore 21:00
domenica 6 novembre ore 18:00

Regista

Ron Howard

Sinossi

Quando il professor Langdon si sveglia sdraiato su un letto d’ospedale di Firenze non ha il minimo ricordo di quanto gli sia accaduto. È assistito dalla dottoressa Brooks, che lo aiuta a uscire dai guai non appena questi si presentano. Di fatto, il grande esperto di simbologia religiosa è tallonato da diversi individui che lo vogliono uccidere. Ben presto si scopre che il mandante è colui che ha messo a punto un virus – chiamato Inferno – pronto a liberare il pianeta dal sovrappopolamento, una sorta di “peste nera” simile a quella citata da Dante. Per Langdon la missione è impedire che il virus contagi l’umanità.

Altro

Blockbuster mistery per eccellenza, il film ispirato all’omonimo bestseller di Dan Brown del 2013 è in grado di muovere le platee. E ciò non tanto per la sua qualità, quanto per l’impatto carismatico che la saga su Robert Langdon ha suscitato dall’uscita de Il Codice da Vinci, proseguita poi con quella di Angeli e demoni. Sia i libri che i film, tutti diretti dall’hollywoodiano Ron Howard, hanno sbancato. Al di là dunque della distribuzione massificata da parte della Warner Bros, il franchise contiene elementi di attrattiva indiscutibile, che superano persino quelli sui supereroi fantasy o fantascientifici, forse presenti in eccesso sul mercato. Il pubblico sembra mostrare un crescente interesse verso l’esoterismo romanzato, tanto da annoverare Dan Brown quale “lo scrittore di thriller più venduto nella storia”. Se Il Codice segnava la novità letterario/cinematografica, Angeli e demoni suscitava la curiosità in quanto sequel, Inferno ci tocca ancora più da vicino, essendo quasi interamente girato e ambientato in Italia (Firenze, Venezia) e toccando la “materia” del Sommo Poeta. Dante, come tutti i riferimenti storico-culturali, è naturalmente un pretesto per colpire altrove e lontano: la sua prima Cantica diventa nientemeno che il nome di un virus letale. Il plot di Inferno, dunque, lavora più sullo scontro diretto fra il Bene e il Male che non sulle sottigliezze simboliche e tanto meno metaforiche. La conclusione è che il filmone rispecchia le attese del pure entertainment, allineandosi con il desiderio di evasione e di adrenalina visiva maturato dagli spettatori meno sofisticati.

Fonte: SdC

 

Pubblicato il: venerdì, 21 ottobre, 2016
a cura di: Oltre il Cristallo
amministrazione