andrea_Castoldi

Il regista Andrea Castoldi, già ospite del Cristallo nel 2015, con la sua Opera Prima ” Ti si legge in faccia”, è  ritornato a Dolceacqua, il 23 e 24 marzo,  per presentare il suo secondo lungometraggio, opera indipendente e autoprodotta.

Si tratta del film “Vista Mare”, i cui temi centrali sono crisi ed emigrazione, voglia di riscatto e speranza. L’attualità è affrontata con una provocazione: la messa in scena del paradosso dove i profughi sono italiani e la terra promessa è la costa albanese …E’ una storia interpretata da attori italiani, ma il messaggio è per tutti coloro che vi si rispecchiano. Mi piacerebbe che riuscisse a far alzare dal divano anche coloro che ci hanno creato il solco, per andare al cinema e tornare a casa con uno spunto di riflessione” Andrea Castoldi.

“Vista Mare” racconta qualcosa che è già successo e che sta succedendo tuttora, solo che oggi siamo da una parte privilegiata, siamo noi l’Albania del film per molto immigrati clandestini. Nella pellicola, invece, c’è un ribaltamento allegorico intrigante: gli italiani devono mettersi in mare per raggiungere una condizione migliore, si devono nascondere, vivere come vivono tanti oggi.

Pubblicato il: martedì, 11 aprile, 2017
a cura di: Oltre il Cristallo
amministrazione