Avventura / Drammatico / Family /

venerdì 28 ottobre ore 21:00
sabato 29 ottobre ore 18:00

Regista

Gerardo Olivares, Otmar Penker

Dopo la tappa al Giffoni il prossimo 29 settembre debutta nei cinema italiani Abel – Il figlio del vento, la fiaba animalista di produzione spagnola, realizzata tra fiction e documentario, diretta a quattro mani dai registi Gerardo Olivares con Otmar Penker.

Il cast vede protagonista la giovane rivelazione spagnola Manuel Camacho che torna a collaborare con Olivares dopo il campione d’incassi spagnolo “Entrelobos”, il veterano Jean Reno e l’attore austriaco Tobias Moretti (Il commissario Rex).

Sinossi

L’aquilotto più forte è destinato a scacciare dal nido il fratello più debole: questo è solitamente ciò che accade quando due piccoli di aquila si trovano a condividere lo stesso nido. Spesso accade anche tra gli uomini che, a ferirli, siano proprio le persone più vicine. Lukas, infatti, soffre a causa della freddezza che il padre mostra nei suoi confronti successivamente alla dolorosa perdita della moglie, morta nel tentativo di salvare il piccolo Lukas da un incendio. Il bambino porta sulle sue giovani spalle il peso della morte della madre. La storia della nostra aquila ha inizio nel nido in cui è nata. L’aquilotto primogenito scaccia il fratello più debole dal nido condannandolo a morte certa una volta caduto nel bosco. Ma il destino dà una mano al cucciolo: Lukas trova l’aquilotto, lo chiama Abel e decide di prendersene cura in segreto, offrendogli tutto l’amore e la compagnia che gli sono invece negati a casa. Sarà pronto Lukas, quando arriverà il tempo di restituire Abel alla natura selvaggia dalla quale proviene, a cominciare una nuova vita?

Altro

Abel il figlio del vento è il risultato di un’entusiasmante fusione tra un lungometraggio e un documentario sulla natura e della collaborazione di due grandi professionisti: Otmar Penker, luminare nel campo delle riprese e della fotografia in ambienti naturali e soprattutto alpini, e Gerardo Olivares, acclamato regista di numerosi film. Nel 2011, Otmar Penker (Prince of the Alps) e Gerald Salmina (Mount St. Elias) decidono di combinare la loro esperienza nell’ambito delle riprese naturali a un copione destinato ad un lungometraggio. L’idea principale era di girare un’avventura tra le Alpi Europee che avesse come protagonisti un’aquila e un uomo.
In numerosi anni di carriera come regista specializzato in riprese nella natura mi è capitato spesso di lavorare con le aquile, ma mai come protagonista – anche perché le riprese che prevedono la presenza di aquile necessitano di molto tempo e di onerose risorse finanziarie. Visto che non ci sono molti film ben girati che prevedono la presenza di aquile reali, ci è venuto spontaneo pensare a questo rapace come protagonista della nostra emozionante avventura.

Fonte: cineblog

Pubblicato il: lunedì, 5 settembre, 2016
a cura di: Oltre il Cristallo
amministrazione